Ma tu lo sai chi è stato il primo personaggio “famoso” ad aver indossato un paio di jeans?

Scommetto che non indovineresti mai… E’ stato proprio il nostro caro e vecchio Giuseppe Garibaldi, che durante lo sbarco a Marsala, li ha sfoggiati con la sua camicia rossa (ma questa è un’altra storia) dando inizio alla moda riguardante il capo più indossato di sempre: il jeans.

Immagino ti starai chiedendo a questo punto: ma come caspita devo chiamarli questi “pantaloni”, denim o jeans?

Lasciaci spiegare qualche differenza tra i due appellativi, ma per farlo ti dovremo riportare un pò indietro nel tempo.

Innanzitutto jeans e denim non nascono come sinonimi. Il primo proviene dalla tela con cui si ricoprivano le merci sui cargo che partivano dal porto di Genova per l’America e fu proprio così che Genova, secondo la pronuncia americana, diventò presto JEANS.

Il denim, invece, viene da una tela più leggera con cui i francesi ricoprivano le merci; veniva prodotta a Nîmes, quindi de-Nîmes diventò presto DENIM. Insomma, due tele e due pesi differenti: il jeans è più pesante quindi si usa per pantaloni, giubbotti, giacche e così via, mentre con il denim si confezionano camicie o pantaloni leggeri.

Fatto sta che a prescindere dal tessuto utilizzato, il jeans o denim inteso come pantalone è decisamente un capo universale, che oggi possiamo trovare in tantissime forme, vestibilità differenti e lavaggi altrettanto variegati.

Come scegliere allora il modello più adatto a te?

Partiamo dal presupposto che non c’è nulla al mondo di più magnifico che sentirsi a proprio agio con sè stessi e che ogni modello è corretto se ci fa sentire “al top” e aggiungiamo inoltre che non esistono reali difetti a parte quelli che ci convinciamo di avere… a questo punto possiamo riassumere però qualche consiglio per valorizzare al meglio la tua body shape.

Se il tuo punto forte non sono le gambe, di certo potrai optare lavaggi uniformi e colori neri o blu scuro scegliendo un taglio palazzo o a zampa di elefante che grazie alla shape gradualmente allargata sulle gambe renderanno la figura più equilibrata e ti slanceranno del tipo che “NAOMI LEVATE PROPRIO”. Bellissimi portati con maglioni e felpe cropped, ci piacciono tanto anche con cardigan aperti un pò più lunghi.

Se invece vuoi valorizzare le ciapet attenta alle tasche. Tasche alte e distanti tra loro, magari con applicazioni e ricami oltre che lavaggi chiari, ti aiuteranno a mettere in risalto il lato B. Perfetto quindi taglio slim fit e skinny, soprattutto se con vita medio bassa. Questi tagli stanno bene sia con maglie cropped che con capi over.

Ma esiste un taglio che stia bene a tutte? Eh si cara, parliamo del nostro amico denim dal taglio “carrot”.

Esteticamente snellisce la figura e allunga le gambe, la vestibilità morbida nasconde le pancette un pò più morbide e, la vita alta, spesso accompagnata da cinture o tessuto arricciato sottolinea la silhouette. Ma udite udite: sono anche DANNATAMENTE COMODI. Abbinali a maglie corte o “ infilate” nel pantalone ed il gioco è fatto. Mi raccomando, niente maglie over o troppo lunghe!

Per quanto ci riguarda esistono dei NO indiscutibili, cioè, proprio NO.


Infine sappiate che noi del Vagamondo siamo ambasciatrici del “sdoganiamo il bianco d’inverno”. Ripetiamo insieme: il jeans bianco è bello, anzi BELLISSIMO anche d’Inverno. Non abbiamo altro da aggiungere.

E tu quale modello scegli? Ti aspettiamo in store e sul nostro e-commerce per deliziarti con shape e colori diversi!

Con affetto,

IL TEAM VAGAMONDO

×